Forum pubblico/privato: Pubblico
Permessi di scrittura: Utenti registrati
Giorno: 22/07/2018, 23:23:29
La Donna non è sempre indispensabile
Oggi è iniziato Il 51 ° Biel Chess Festival, torneo che si svolge da domenica 22 luglio (1 ° turno) a mercoledì 1 agosto 2018. Il campione del mondo Magnus Carlsen è a capo di una forte compagine di giocatori: Shakhriyar Mamedyarov, Maxime Vachier-Lagrave, Peter Svidler, David Navara e Nico Georgiadis. Sei giocatori 10 round a tempo lungo (100 min x 50 mosse con supplemento di 15 min +30 sec x mossa).

Al primo turno sia Carlsen che Mamedyarov vincono, entrambi con il Bianco.

Carlsen cambia la Donna con la Torre e Alfiere avversari subito dopo l’apertura. Il cambio non era forzato, Carlsen poteva tenere la Donna rimanendo in una posizione equilibrata, ma evidentemente la sua scelta era più che giusta: in partita si raggiungerà un semi-finale di Donna vs Torre e Cavallo, e il Nero che avrebbe potuto mantenere l’equilibrio fa’ un errore che lo obbliga a cambiare i pezzi, il finale che ne deriva è perso per il Nero:

Carlsen

You need Javascript enabled to view it.









15. Nc2!? Con questa mossa Carlsen cambia la Donna con Torre e Alfiere. Il cambio non era forzato: (15. Cxe5 Dxe5 16. a3 Axa3 17. bxa3 +/=) [16... Aa5 ?! 17. b4 Ac7 (17... Axb4 18. Cc6 +/-) 18. Cf3 Df6 19. bxc5 +/-]

19... Ab7 Si poteva anche giocare (19... Dxe5 20. Txc5 =)

45...Dc1?! Dopo 46. Cf6+ perde il pedone -h5 gratuitamente (45…Rf7 =)

55…Dd7? (55…Rf6 +/- era necessario cercare di controllare il pedone -e)

58…De6? Dopo questa mossa il Bianco può forzare il cambio dei pezzi, e il finale di pedoni è perso per il Nero. Meglio era: (58... Db1+ +-)
Giorno: 10/12/2018, 20:36:50
Link sponsorizzati
Giorno: 23/07/2018, 02:32:54
Scusate nel precedente post ho dimenticato di sceivere l'intestazione.
La partita analizzata è:
Carlsen 2842 - Navara 2741, 1-0, Biel 22.7.2018
Giorno: 24/09/2018, 16:19:53
Un sacrificio di Donna critico
Nel 1959 al torneo dei candidati per il titolo mondiale, il giovanissimo 16 enne Fischer eliminò il 53 enne Paul Keres, storico GM sovietico.
Dovranno comunque passare ancora 12 anni prima che Fischer conquisti il diritto a sfidare il campione del mondo, tuttavia fu un grande risultato per un ragazzino quale era allora Fischer eliminare un “mostro sacro” come Keres.

In una delle partite vinte da Fischer (il match finì 3 a 2 per Bobby senza patte) Keres sacrifica la Donna in cambio di 3 pezzi, finendo in un medio gioco con 2 Torri e Cavallo contro Donna e Torre di Fischer.
La situazione non era affatto chiara ed era aperta a qualsiasi epilogo. Ma il giovane Fischer, pur trovandosi davanti a una novità e avendo ceduto 3 pezzi per la Donna nemica, non si fece prendere dall’emozione e senza perdere la calma, come un giocatore navigato, continuò la partita tranquillamente approfittando degli errori avversari per vincere.
I motori ci dicono che il sacrificio della Donna di Keres non era sbagliato, anche se non obbligato, e che Keres ha perso per successivi errori, ma anche senza Donna Keres poteva giocarsela alla pari.

Molto istruttiva questa partita, per esempio utile analizzare perché dopo il sacrificio di Donna Keres sacrifichi anche il suo Alfiere campo chiaro. Anche se questo sacrificio non era obbligato i motori la valutano la miglior mossa, perché?
*

Dopo la 12° mossa del Nero si era raggiunta la posizione del diagramma sotto. Ora non c’è niente di male in 13. Dg3:

You need Javascript enabled to view it.









Ma Keres invece sacrifica la Donna giocando 13. exf6.
Vediamo come andò la partita:

Keres – Fischer, 0-1, Candidati 7.9.1959

You need Javascript enabled to view it.









10. Ae2 Oggi è quasi sempre giocata l'immediata 10. g4 (Siciliana Najdorf).

12. e5 Unica mossa giocata nella pratica magistrale.

12…Ab7 (12... dxe5? 13. Cdxb5! axb5 (13... Db7 14. Dxb7 Axb7 15. Cc7+ +-) 14. Axb5+ Rf8 15. Dxa8 +-).

13.exf6!? (13. Dg3 dxe5 14. fxe5 Cd7 =).

16. Axd5! Io sinceramente avendo già dato la Donna avrei mantenuto l'Alfiere: (16. Ac6+ Rf8 17. Cce2 g6 -/+). Ma sembra invece che eliminare i due pedoni centrali neri e aprire le colonne -d e -e alle Torri bianche con il Re nero che non ha ancora arroccato sia più importante di un pezzo, infatti anche i motori come Keres considerano 16. Axd5 come miglior mossa.

18. Cxd5 (meglio subito 18. Te1+).

21. f5?! (21. Te5 g6 =).

24. Td8?! Andare ad attaccare direttamente il Re avversario non è una buona idea perché consente il contro gioco della Donna nera, che non bisognava permettere: (24. Ted1 o 24. Tee4 -/+).

25. Tee8? Era meglio perdere un tempo tornando indietro con la Torre (25. Td4) che permettere 25…Dg1+. Ora l’iniziativa passa al Nero e le minacce di attacco al Re nero sono facilmente parabili.

28. g3? Era meglio ormai continuare con lo scacco di Torre: (28. Tg8+ Rh6 29. Th8+ Rg5 -+) 28. g3 permette solo al Nero di giocare 28…f5 per creare una via di fuga in -f6 per il Re.

36. Rb3? Sembra strano, ma anche se a prima vista in -b3 il Re bianco appare protetto dai propri pedoni, in realtà in -d1, anche se esposto agli scacchi della Donna avversaria, il Re bianco stava meglio, più centralizzato e più vicino ai pedoni-f/g neri: (36. Rd1 Dg1+ 37. Rd2 Df2+ 38. Rd1 Rf6 39. Cd3 Df1+ 40. Rd2 bxa4 41. Txa4 -/+).

41. Cxa6? (41. Txa6+ Rf7 -+ almeno guadagnava un tempo e non metteva il Cavallo a bordo scacchiera).

53. Tc4? Prende matto, 53. c7 avrebbe prolungato un po’ l'agonia del Bianco che può solo più abbandonare.