Forum pubblico/privato: Pubblico
Permessi di scrittura: Utenti registrati
Giorno: 10/01/2020, 18:21:07
Conosco già questo modo di porsi, ha un che di familiare. L'iniziare con falsa modestia per poi sentenziare senza appello su varianti e continuazioni... E quando arriva la dimostrazione contraria, cominciare a parlare di ELO, di "tornei veri", "con l'orologio implacabile", di "Io 'so Io e voi nun siete un c***o", di scacchisti pipponi che sanno solo usare il motore...

Mah, tutto ciò ha un vago sentore di dejavù, o di minestra riscaldata. biggrin.gif
Sono una carota in cerca di sè stessa...
Giorno: 22/02/2020, 11:27:45
Link sponsorizzati
Giorno: 10/01/2020, 18:56:53
Ho letto un po' di messaggi vecchi e anche io ho capito questo modo di porsi che ha creato grosse polemiche in passato. Avrei voluto dare ancora qualche risposta ma mi sembra meglio chiudere qui perchè temo che qualsiasi cosa dica possa essere travisata.

Non ho nessuna intenzione di fare polemiche. Ero entrato solo perchè pensavo che si potesse discutere di scacchi e non per cercare dei litigi tant'è vero che sono intervenuto solo nella cose che conoscevo lasciando perdere quelle nelle quali non mi sentivo ferrato. Forse avrei fatto meglio a leggere tutti i messaggi prima di inviare l'iscrizione.
Pertanto ho chiesto al moderatore Nophic di cancellarmi dato che io non ho capito come fare.

Auguro a tutti voi un ottimo prosieguo scacchistico sia che siate giocatori a tavolino o on line, appassionati di motori o semplicemente degli esteti del gioco.
Giorno: 10/01/2020, 19:38:12
Bandar log,
non hai intenzione di fare polemiche ma le stai facendo.

Se hai capito che questo tuo modo di fare non è appropriato, perché lo fai?

Se pensi di arrivare qua e che tutti si inchinino al tuo cospetto, ritengo non sia l’atteggiamento giusto, che tu sia un GM o Carlsen in persona.

Qua ci conosciamo tutti da almeno una decina di anni. Chi più e chi meno, per le proprie capacità, contribuiamo a scambiarci opinioni, magari alzando un po’ i toni ma abbiamo la maturità (e spero che anche tu ce l’abbia) di capire che sono solo scacchi. I problemi della vita veri sono altri.

Se anche tu vuoi fare parte di questa grande famiglia sei il benvenuto; se invece non ami il confronto, le idee, il “think different”, è chiaro che questo non sia il posto giusto per te.

ciao.gif
Giorno: 10/01/2020, 20:01:22
image 1883
Sono una carota in cerca di sè stessa...
Giorno: 11/01/2020, 19:17:39
Bandar Log (prima nazionale italiana),
è doveroso che risponda al tuo messaggio privato per farti notare alcune cose.

Riguardo le tue critiche al MAAG, ti informo che non l'ho creato io, ma tra gli autori, se ben ricordo, vi sono buoni giocatori che hanno anche partecipato a tornei. Bini, ad esempio, è un forte giocatore per corrispondenza, che per colpa di qualche cretino, che ogni tanto ci fa visita (ogni riferimento a persone e fatti non è casuale), ci ha abbandonati.
Carotino è un validissimo giocatore, ha una cultura scacchistica immensa, più della tua. Ha il dono di esporre e spiegare le posizioni meglio di tanti autori titolati. Anche a te, a quanto pare, ha insegnato alcune chicche che avevi completamente ignorato.
Ghiceda, è un giocatore da torneo, ha partecipato a diversi di questi, raggiungendo in pochissimo tempo la categoria di CM.

Tu dici: “Io ho avuto il coraggio di dire la mia categoria ( non eccelsa ma guadagnata) ma altri no.”
Quindi ti rispondo: se magari qualcuno ha la bontà e la modestia di non sbandierare il suo titolo, forse è perché non ce n’è bisogno, no?
I loro nomi, come il mio e di tanti altri, su GS, sono pubblici, mentre di te non si conosce assolutamente nulla.

Poi: “Si parla del nostro gioco e si vuole insegnare a giocatori che arrivano sui 1800 e si presuppone che chi scrive abbia almeno 1800 punti, quindi giochi tornei, sia 1 Naz e sia migliorato con quel metodo.
Dopo quello che ho letto tutto questo sembra proprio una presa in giro.”

Il MAAG è una risorsa gratuita, e come dice quel detto: “A caval donato non si guarda in bocca”. Mi duole se ti verrà un po’ di bruciore di stomaco, ma vi sono tantissime persone che ne hanno trovato giovamento, veramente tante, sì! Altre meno, ma tu se l’unico che critica il MAAG solo dal punto di vista dell’Elo degli autori, senza entrare nel merito dei contenuti...

Infine: “Non si possono conoscere tutte le continuazioni e io non sono mai venuto a contatto con la variante 1. e4 e5 2. Cc3 Cf6 3. Ac4 Cxe4”.
Questo l’avevamo capito tutti...

Bandar Log, ringrazia Nophiq che è magnanimo con i cretini.
Io ti avevo già inquadrato un po’ di tempo fa e ti avrei bannato a novembre, altro che chiedere la cancellazione e fare perdere tempo a Nophiq.

Avevo già capito dove volevi arrivare, per questo sei finito in una rete di matto e sei stato costretto ad abbandonare GS.

ciao.gif
Giorno: 11/01/2020, 19:57:18
Caspita, vedo che la discussione e` diventata lunga e ha preso anche delle pieghe spiacevoli. Io comunque vi ringrazio per i vari interventi e le varie analisi, molto interessanti. I libri che mi avete suggerito (ho dato un'occhiata a qualcuna delle preview) sembrano proprio belli; e mi sembra di capire che insomma, due ragioni per apprezzare la scandinava (dal punto di vista del nero), siano la sua ineluttabilita' (nel senso che il nero puo` finirci dentro ogni volta che si apre con 1 e4), e una certa robustezza della struttura di pedoni che ne consegue.

Per ora non mi sento ancora pronto a lanciarmi in acquisti di monografie, mentre mi concentro sullo studio di manuali di piu` ampio respiro, per capire poi in un secondo momento su quali aperture vorro` concentrarmi.

per quanto riguarda l'essere tutti novellini, beh c'e` novellino e novellino. Diciamo che sarei gia` contento di raggiungervi :-)
Giorno: 11/01/2020, 20:47:24
Dario,
è un déjà vu… no problem.

Sì, hai colto in pieno i pregi della Difesa Scandinava e fai anche bene a non comprare monografie, per il momento, e concentrarti sulle caratteristiche generali della posizione.

Per questo motivo vorrei consigliarti questo libro di Rios che ho la fortuna di possedere, in cui vengono presentate strutture, idee e piani della maggioranza delle strutture pedonali che incontri durante le partite.
Qua puoi vedere un’anteprima:
http://www.qualitychess.co.uk/ebooks/Flores_Rios_Chess_Structures-excerpt.pdf

C’è anche in lingua italiana.

ciao.gif

ps. Uno dei miei libri preferiti
Giorno: 11/01/2020, 22:02:36
Grazie! lo guardo e probabilmente lo aggiungo alla lista delle cose da leggere nell'immediato. Per ora stavo leggendo in parallelo il libro di Pachman (la triade, intendo) e quello di Capablanca. Li trovo piuttosto complementari, per ora. Quello di Capablanca e` proprio un po' una perla a mio avviso: presenta pochi concetti chiave e ti fa vedere come calcolare. Quello di Pachman mi sembra piu` enciclopedico ma forse leggermente piu` dispersivo!
Giorno: 12/01/2020, 06:58:13
Lupin: Eh, il MAAG e il nostro sito non vanno proprio giù a quei personaggetti che ormai conosciamo da tempo. Ogni tanto rispuntano dal nulla cambiando pelle, ma hanno un trademark inconfondibile, uno dei quali è la spocchia.
Per un po' ci si diverte a lasciarli fare, tanto per vedere dove vogliono arrivare, ma alla fine arrivano sempre lì e con lo stesso modus operandi. Sono come lo scorpione nella fiaba di Esopo: è la loro natura. biggrin.gif
Sono una carota in cerca di sè stessa...
Giorno: 12/01/2020, 07:44:26
dario85Kr: l'apertura è solo la parte iniziale di una partita, ma è quella che imposta tutte le fasi successive. Il suo scopo è quello di preparare il tuo schieramento per la battaglia che avverrà quindi è importante uscire bene da questa fase. Se termini l'apertura con i pezzi postati male, pieno di debolezze, col Re insicuro o con la struttura pedonale sgangherata, l'esito della partita è praticamente deciso: hai perso. A meno di un miracolo o di una serie di strafalcioni dell'avversario, la tua partita sarà quasi senza speranze.

Un libretto che mi sento di consigliarti è "Scuola di Scacchi", del M. Pietro Ponzetto. E' un corso "in pillole", un piccolo Bignami della strategia scacchistica, dove vengono insegnati i fondamenti della strategia (i vantaggi di spazio, tempo, materiale, le strutture pedonali, colonne, traverse e diagonali, case deboli e case forti, ecc...).
In questo modo avrai una prima infarinatura strategica (che potrai approfondire con altri manuali) che ti permetterà di capire meglio le varie aperture e il senso, lo scopo, delle diverse varianti.
Sono una carota in cerca di sè stessa...