Forum pubblico/privato: Pubblico
Permessi di scrittura: Utenti registrati
Giorno: 04/10/2011, 14:48:44
Parte la traduzione del M.A.A.G!
Nuova sezione del forum per inaugurare il wiki per la versione in inglese del MAAG. La prima fase consiste nel tradurre il MAAG dall'italiano all'inglese, seguirà poi la fase di espansione del contenuto con contributi internazionali (speriamo!)

Al wiki non è possibile iscriversi direttamente, solo io posso creare utenti. Per questo motivo, coloro che sono intenzionati a tradurre il maag chiedo di scrivermi un messaggio privato con la richiesta di abilitazione. All'interno del wiki troverete le guidelines per la traduzione e sono presenti anche link a risorse utili per sfruttare al meglio il motore mediawiki.

È comunque possibile da parte di tutti leggere il contenuto, e questo forum ha proprio la finalità di coordinare i traduttori e di raccogliere suggerimenti e correzioni dei lettori.

Che la traduzione abbia inizio!
Hai letto il regolamento?
Giorno: 21/10/2017, 21:24:54
Parte la traduzione del M.A.A.G!
Giorno: 04/10/2011, 17:06:46
Ottima l'idea del Wiki!!!!

Una volta tradotto, potremo fare a meno dei maestruccoli nostrani con la puzza sotto il naso. Credo che nel giro di qualche mese il MAAG crescerà oltre ogni aspettativa.

Provocazione gratuita? No, semplice constatazione e relativa conclusione.

Carotino.
certocerto.gif
Sono una carota in cerca di sè stessa...
Giorno: 05/10/2011, 09:14:00
Io sono convinto che una volta che il MAAG avrà ottenuto la sua giusta visibilità allora i Maestri italiani entreranno in gioco.

Non mi sembra giusto dare giudizi così duri.
Hai letto il regolamento?
Giorno: 05/10/2011, 10:00:45
...Già, quando la maggior parte del lavoro sarà fatto e non ci sarà più bisogno di loro. certocerto.gif

Uno, dico UNO, che si sia fatto vivo, fra le centinaia di CM e M che ci sono in Italia... E non stiamo parlando di una nazione scacchisticamente eccelsa, il livello è quello che è, eppure...

Carotino.
incupito.gif
Sono una carota in cerca di sè stessa...
Giorno: 05/10/2011, 10:04:47
Ognuno si prenderà i giusti meriti.
Hai letto il regolamento?
Giorno: 07/10/2011, 17:09:27
Dubbio
Ho visto casualmente il MAAG e voglio adottarlo come metodo di studio, spinto anche dalla curiosità per l’autore Carotino (Roberto Munter) che criticava i “maestrucoli italiani”. Ho pertanto deciso di studiarlo usando proprio le partite a tavolino di Roberto Munter. Non le ho trovate, ed allora sono andato sul sito FSI, dove ho riscontrato un errore grossolano. Lì risulta che Roberto Munter è NC (Non Classificato) con ELO 1467 (ridicolo!). In attesa della rettifica, approfitto per chiedere il vero ELO dell’autore del Metodo che gli avrà consentito ottimi risultati scacchistici. Anzi, una richiesta: sarebbe bellissimo avere un’istogramma od una semplice tabella con la progressione del Suo ELO. Così, avrò un luminoso esempio: anch’io potrò dire che, a 20 anni avevo 1440 punti, a 21 xxx punti, a 22 yyy punti, e così via, come il mio idolo. Però, siccome i dubbi sono come le ciliegie (uno tira l’altro) sarei contento anche di conoscere la reale forza scacchistica (a tavolino, ovviamente! Per corrispondenza siamo tutti forti!) dei coautori.
So che non mi deluderete: voi non siete come Vanna Marchi, che propagandava un prodotto inefficace! Anch’io, come voi, voglio arrivare a guardare dall’alto in basso i “maestrucoli italiani”.
Saluti da un giovane scacchista, vostro futuro emulo.
Giorno: 07/10/2011, 18:32:26
zizi.gif
Ooooh... Vedo che un po' di sana provocazione serve a qualcosa, alla lunga!

L'unico torneo "ufficiale" al quale ho partecipato è stato quest'anno, con l'esclusivo fine di fare un piacere a un amico (presidente del C.S. di Taio) che aveva bisogno di un numero minimo di tesserati. Questo per illustrare al meglio la mia "carriera ELO". biggrin.gif

Vedi, noi siamo tutti dilettanti, con molto entusiasmo, ma dilettanti... E il bello è che l'abbiamo sempre detto ed è per questo che abbiamo chiesto aiuto a qualche "professionista" del ramo... Ma le uniche risposte sono state degli "interventi costruttivi" come il tuo. Un grande aiuto, non c'è che dire.

La definizione di "maestruccoli" che ho usato, oltre al fine provocatorio (speravo in qualche reazione d'orgoglio, ma costruttiva... Pia illusione!), era relativo al fatto che da paesi scacchiticamente MOLTO più evoluti del nostro (parlo di Russia, Stati Uniti, Inghilterra) abbiamo avuto preziosi suggerimenti ed aiuti da parte di vari Maestri, senza tante menate ne tanta puzza sotto il naso.

Per finire: tu hai parlato di "prodotto" e di "Vanna Marchi"... Il cosiddetto "prodotto" è completamente libero e gratuito ed inoltre ampliabile ed integrabile da parte di chiunque. Grazie comunque per la tua preziosa collaborazione e spero di aver soddisfatto tutte le tue ciliegine.

A proposito, io nel mio pannello ho inserito nome e cognome... Li hai anche tu o sei uno dei soliti "coraggiosi anonimi"?

Carotino.
ciao.gif

P.S. a ulteriore proposito, nessuno di noi cercava "emuli", si cercava solo un po' d'aiuto e collaborazione. Vedo che anche questa è stata una pia illusione.
Sono una carota in cerca di sè stessa...
Giorno: 07/10/2011, 19:03:36
Mi ritiro in buon ordine
Sono rimasto senza parole! Che delusione! E’ come se avessi scoperto che un mio professore d’Università è un bidello (senza offesa per loro, ma ognuno ha le proprie competenze e capacità).
Tolgo il disturbo definitivamente: non mi piace fare la parte di quello che rovina la festa.
cry.gif
Giorno: 07/10/2011, 19:29:52
zizi.gifzizi.gifzizi.gif

proveritate

non puoi riuscire ad offendermi, forse sei tu che ti senti offeso, forse sei bravo a scacchi e vedi in tutto questo una usurpazione di verità.

La tua provocazione, per niente velata, è talmente povera di contenuto che non riesce a colpire.

Se vuoi ne parliamo seriamente, se vuoi essere educato, se vuoi un dialogo dove differenti posizioni si confrontano allo scopo del bene comune.

Qui, pubblicamente voglio ribadire alcuni concetti, concetti già espressi dentro al testo del MAAG.

1. Il testo è free, chi non piace preme il tastino DELETE e non ci pensa più.

2. Il testo non vuole MAI portare delle verità, MAI obbligare il lettore ad accettare delle idee. Al contrario MOLTE volte nel testo si ricorda che le idee sono spunti di riflessione, argomenti su cui proseguire una PERSONALE RIFLESSIONE e un personale LAVORO.

3. Gli autori NON sono dei GM, questo è scritto. Sono persone che hanno approfondito degli studi, raccolto idee da più fonti e formulato idee per poi fare una loro sintesi. In questo non bisogna essere GM, bisogna essere appassionati con a disposizione molti fonti autorevoli.

Queste sono le basi, amico mio.

Vuoi parlare di ELO? ma cos'è l'ELO? me lo sai dire, dandomi una definizione?

Conosco un testo "CM in 16 partite", è scaricabile... poi vai a vedere le partite patta concordata... vai a vedere gli svarioni... e ti poni delle domande su cos'è questo benedetto ELO

Conosco gente che dopo essere diventata CM non ha più giocato tornei ufficiali per non rovinarsi il punteggio...

Conosco un istruttore bravo, pugliese, con molti allievi... ma, se non erro, è "solo" maestro, eppure insegna scacchi e si fa pagare.

Conosco professori che insegnano fisica, ma non hanno mai fatti un esperimento scientifico.. o insegnanti in lettere che non hanno mai composto una poesia, ma hanno studiato ed espongono i loro studi.

voglio dire: cosa sono i titoli, quali i titoli minimi per insegnare e quali i titoli minimi per suggerire delle idee a dei "colleghi"? Cos'è il punteggio ELO, quanto lo sopravvalutiamo? Perchè vogliamo leggere e fare tutto in funzione dell'elo?

L'ELO SERVE SOLO PER I GIOCATORI PROFESSIONISTI, PER DEFINIRE IL LORO VALORE, ED HA SIGNIFICATO SOLO IN PRESENZA DI CONTINUI TORNEI CHE DIMOSTRANO LA VICINANZA DEL VALORE REALE DEL GIOCATORE CON UN NUMERINO DA SCRIVERE SUL CARTELLINO GIOCATORE

Ah, sì: il mio ELO. Sai che non lo so? So però che all'epoca ho rischiato di diventare CM (FIDE) in 9 partite. Fatto o non fatto, che valore assegni a quel risultato? io zero, zero, zero, zero, zero, zero, zero......
Giorno: 07/10/2011, 20:07:56
Ghiceda, sono costretto a risponderti, in quanto hai parlato di Fisica, la mia materia (ma prometto: è l’ultima volta che intervengo!). Non voglio annoiarti con la teoria baynesiana dell’ELO, che si studia a Matematica. Voglio solo che tu rifletta a questa semplce e pacata considerazione: ogni teoria, per essere valida, ha bisogno di alcune caratteristiche, tra cui la testabilità e falsificabilità, (cioè la possibilità di provare degli esercizi, per poter confutare la teoria); e la riproducibilità (cioè la capacità di fare previsioni che possano essere testate da ogni osservatore, anche in un futuro indefinito). Ora, la riflessione da semplice studente è la seguente: se non avete prodotto degli esercizi, come avete fatto ad applicare il Metodo?
P.S. Il fatto che sia gratis è caratteristica interessante, ma non incrementa il valore del Metodo.