Forum pubblico/privato: Pubblico
Permessi di scrittura: Utenti registrati
Giorno: 18/05/2016, 16:51:46
Il carattere di Carlsen
Forse perché come dice Kasparov "gli scacchi sono il gioco più violento che c'è", e quindi l'agonismo esasperato rende cattivi, ma io avevo già notato una certa antipatia in alcuni ambienti scacchisti. Dipende certo poi dai punti di vista, comunque alcuni personaggi del mondo a 64 caselle non credo si possano considerare molto simpatici.
Vorrei mettere alla Vs. attenzione un articolo in cui un giornalista che ha intervistato Carlsen riporta le proprie impressioni.
Il giornalista definisce Carlsen un discreto s... :
- art -
Giorno: 05/02/2023, 21:13:45
Link sponsorizzati
Giorno: 19/05/2016, 16:48:20
Non succederà, ma mi auguro con tutto il cuore che karjakin batta e detronizzi questo... vabè qui le offese personali non sono tollerate quindi mi astengo.
Dico solo che io DISPREZZO carlsen sia come giocatore che come persona.
Come giocatore è assai sopravvalutato, perché in effetti a ben guardare, molte delle sue vittorie arrivano dopo che la partita si è trascinata per ore su un binario di parità o addirittura dove sta peggio: vince di resistenza psicofisica, ma a capire la posizione... ce ne sono diversi meglio di lui.
Non ha un kaiser di cultura scacchistica, come più volte arrogantemente dichiarato, e vogliamo parlare delle smorfie che fa mentre gioca?
Vergognoso.
Sono robe da pezzenti delle 64 case; un campione del mondo dovrebbe essere lontano anni luce da queste cose.
Come persona poi... non ne parliamo proprio.
E' perfino riuscito a farmi rivalutare Kasparov, che ha sì un ego smisurato ma non è mai antipatico e scontroso.
Sto bamboccio invece crede d'eesere chissà chi, e spero che qualcuno lo riporti presto coi piedi per terra, sarà karjakin o magari rapport o wei yi.
Siamo lontani anni luce dalla classe di Anand o dallo humour di Kramnik,che è sì russo ma sembra un siciliano per come si comporta biggrin.gif
Carlsen, una brutta pagina nella storia degli scacchi, cui qualcuno presto darà un taglio.
Giorno: 19/05/2016, 19:51:43
Ma che ti ha fatto Orco? mmmm.gif
Giorno: 20/05/2016, 10:20:07
Il giornalista ha fatto domande imbecilli, ci sta il suo modo di comportarsi, dopotutto è stato Carlsen a essere contattato e a fargli un favore.
Ma per il ragionamento sono d'accordo con Orco. Se avesse fatto domande alla Orco avrebbe avuto più successo:

Domanda 1:
A ben guardare, molte delle sue vittorie arrivano dopo che la partita si è trascinata per ore su un binario di parità o addirittura dove stava peggio: vince di resistenza psicofisica?

Domanda 2
E' consapevole che diversi sono più bravi a capire la posizione?

Domanda 3
Come pensa sia la sua cultura scacchistica?

Domanda 4
Perché fa tante smorfie mentre gioca?
Giorno: 21/05/2016, 06:48:08
No ciak, assolutamente no.
Non ci siamo.
Se uno è campione del mondo, di una qualsiasi disciplina, pure di lancio di evidenziatori esausti, ha il dovere di essere gentilissimo e disponibilissimo con tutti.
HA IL DOVERE.
Perché è un ambasciatore, sostanzialmente.
Carlsen è ambasciatore solo di se stesso, e lo fa pure male visto che a memoria non ricordo un giocatore di scacchi così odiato, letteralmente, da tanti.
Ne sento moltissimi che proprio non lo reggono.
Invece di pensare a presentarsi alla scacchiera pieno di griffes, pure nel naso fra un po', a fare il finto modello (che tra l'altro a mio giudizio non se lo può proprio permettere, anche se questo tipo di... articoli... non m'interessano biggrin.gif), pensasse a come migliorare il suo gioco, perché di sicuro karjakin si allenerà moltissimo e non starà certo supino a farsi prendere a pallate.
Ma più che altro pensi a rispettare i suoi avversari perché arriverà il giorno, spero molto presto, che perderà il titolo e poco dopo qualche bamboccio cinese come wei yi o magari speriamo rapport lo supereranno in lista elo.
E dopo?
Che fa, si suicida?
noncisiamo.gif
Giorno: 21/05/2016, 20:22:04
Orco hai centrato un punto importante, di cui volevo parlare già io in passato.
Ai tempi di Fischer e Spassky i giocatori rappresentavano qualcosa che trascendeva la loro singola persona.
Il match Fischer e Spassky non era solo uno scontro tra due giocatori, ma era il confronto tra due modelli di società. Spassky si identificava completamente nel sistema sovietico, come giocatore, come uomo, come modalità di preparazione, come modo di proporsi. Fischer incarnava l'individualismo americano, il liberismo nella preparazione, allenamento, nel modo di proporsi. Insomma era uno scontro tra due sistemi.
Oggi gli attuali GM cosa rappresentano? Se stessi!
Hai scritto bene Orco, Carlsen è ambasciatore solo di se stesso. Infatti quando si tratta di promuovere le "sue" applicazioni, tipo il gioco che porta il suo nome, riesce a essere diplomatico e simpatico.
Ma questa è una caratteristica dei nostri tempi. Non ci sono più ideali, ideologie, patrie o cause, ci sono solo i $$$
Giorno: 22/05/2016, 18:40:16
ok,
Ma forse non avete capito la natura del mio intervento. io volevo stigmatizzare l'atteggiamento del giornalista, avendo fallito la sua intervista, ribadisco "fallito", ha dovuto ripiegare su un testo patetico a giustificare il suo fallimento. A cominciare dalla probabile prima richiesta di intervista, alla presentazione, le domande, la chiusura e per finire l'articolo. Tutto un fallimento.