Forum pubblico/privato: Pubblico
Permessi di scrittura: Utenti registrati
Giorno: 22/01/2015, 17:48:43
ti sbagli caro pinco pall...ehm, volevo dire caro antonio ho postato onestamente e senza malizia.da quando frequenti il visionario vedi il diavolo dappertutto. maurizio martelli (mi ricorda i diario delle seconde armi) riprende gli scacchi a 30 anni da nc
Giorno: 28/11/2020, 23:00:39
Link sponsorizzati
Giorno: 22/01/2015, 18:44:35
È vero, è un diavolo, perché mi tenta e mi dice senza volerlo "studia, migliora, puoi farcela anche tu, sommo cane". E detesta essere lodato! Ma chi è questo Maurizio Martelli? Ho la febbre mentre scrivo, e non ho la forza di controllare incupito.gif
Supporta anche tu i progressi scacchistici di Qfwfq. È gratuito. Commenta le sue valutazioni delle posizioni, tratte da partite che hanno fatto la storia del Nobil Giuuooco. Un piccolo gesto per te, un futuro grande passo per la FSI.
Giorno: 22/01/2015, 20:47:44
qfwfq, basta fare una ricerca su google e trovi il report delle 16 partite scritte da maurizio. importante e che tu legga con attenzione, e dopo desidero che mi inviti ad una sfida su gs. dunque troverai 5 istruttori che commenteranno le mie e le tue mosse
Giorno: 22/01/2015, 22:30:34
non mi riferivo al gioco alla cieca come visulizzazione dela scachiera,non avrebbe senso,ma ad un particolare metodo detto amber. consideriamo il primo schema del primo post
Giorno: 22/01/2015, 22:37:53
non mi riferivo al gioco alla cieca come visulizzazione dela scachiera,non avrebbe senso,ma ad un particolare metodo detto amber. consideriamo il primo schema del primo post
Giorno: 23/01/2015, 22:26:26
si esegue su scacchiera reale. giocato e rtudiato lo schema, ri tolgono i pezzi erimane una scacchiera vuota sulla quale andremo a ricomporre lo schema mentalmente.non si tratta piu di funzione fl singolo pezzo, che rimane incorporato nella caasa di giacenza precedente, e n si tratta piu di fondamentali ma di fondamenta diagonali colonne e traverse
Giorno: 23/01/2015, 23:53:54
A mio parere è inutile andare alla ricerca "dell'acqua miracolosa".Purtroppo negli scacchi si consegue tutto con SACRIFICIO e PAZIENZA e non ci sono le scorciatoie che ti portano lontano.Credo siano proprio questi 2 fattori che lo scacchista fa fatica ad accettare!senzasperanza.gif
Non ti porre troppe domande,alcune volte la risposta è quella che già sai o che non vuoi sapere.
Giorno: 24/01/2015, 08:00:48
Eppure, la maggior parte della gente, anche se talvolta insconsciamente, cerca proprio l'Acqua Miracolosa, la Pillola Magica che ci trasforma - senza fatica e senza sforzi! - in forti giocatori.

Tempo fa mi ero divertito con un piccolo esperimento "socio-psicologico", pubblicando una new intitolata: "Come vincere a scacchi, un eccezionale metodo pratico".

L'introduzione dell'articolo, sul modello di molte pubblicità d'oltre oceano, recitava:

Quanti di noi hanno tentato di migliorare nell'amato giuoco e non ci sono riusciti. Libri, corsi, video-lezioni, consigli di amici... Tutto inutile!
Ma non si deve disperare, si tratta solo di trovare il giusto metodo ed applicarlo in maniera diligente e creativa... Ma dove possiamo trovare questo metodo? E soprattutto, esiste veramente?
Ebbene, posso affermare con assoluta certezza che questo metodo esiste, è facile da capire ed applicare (bastano alcune semplici nozioni e tanta buona volontà) ed è disponibile in ESCLUSIVA per i lettori di Giocareascacchi.it!!


Poi l'articolo proseguiva con una serie di plateali banalità ed annunciava l'imminente uscita di un articolo che illustrava il nuovo, eccezionale, sistema... Il tutto GRATUITAMENTE!

Naturalmente l'articolo successivo conteneva a sua volta un'altra serie di banalità, ma ha avuto un successo clamoroso ed è ancor oggi l'articolo più letto in assoluto! biggrin.gif
Sono una carota in cerca di sè stessa...
Giorno: 24/01/2015, 13:58:11
Un altro fattore che incide è secondo me la MANCANZA DI VOGLIA.Abbiamo finito di leggere anche solo un libro nella nostra carriera scacchistica e reputiamo seriamente di aver compreso il "trattato" di quel libro?Abbiamo fatto(e stiamo facendo) esercizi di tattica e finali quotidianamente per 30 minuti?Ci siamo prefissati un "percorso" di studio e poi lo abbiamo concluso?Probabilmente la nostra risposta ad almeno 1a di queste domande è no.La mancanza di TEMPO e DENARO possono essere un problema,ma sinceramente credo che nella maggior parte dei casi siano scuse per non mettersi a leggere(per esempio) un libro di finali con una sfilza di mosse e pochi commenti.Esistono diverse "risorse" scacchistiche online che sono gratuite,perfino dei corsi.La mancanza di tempo è un fattore frequente in uno scacchista,ma quanti di noi non hanno almeno 2ore(efficaci) da dedicare agli scacchi durante la settimana?Credo sia solo una scusa per non iniziare a fare uno studio serio del gioco.
Non ti porre troppe domande,alcune volte la risposta è quella che già sai o che non vuoi sapere.
Giorno: 24/01/2015, 17:30:27
E' vero, alla fine dello studio di ogni libro didattico di scacchi (ma ciò vale anche per altri argomenti) bisognerebbe chiedersi: "che cosa ho imparato di nuovo che prima non sapevo?" e soprattutto cercare di verificare col gioco quanti dei nuovi concetti imparati si riesce a metter in pratica nelle proprie partite.

ciao.gif