Forum pubblico/privato: Pubblico
Permessi di scrittura: Utenti registrati
Giorno: 30/03/2013, 18:38:01
Cosa vuol dire 'TROLL' ?
Alcuni su questo forum ripetono la parola 'troll'. Qualcuno mi può spiegare cosa vuol dire e perchè lo dicono per offendere o accusa verso un altro utente ?
Nel frattempo cercherò di documentarmi, cominciando da wikipedia..oh si, la ricordo quella e-mail mandata a Gi.To. Bella figura che una persona ci fa.
Chi la manda e chi la riceve ,insieme accusano : "montesannace, questo è un troll!"
Giorno: 26/10/2020, 11:05:54
Link sponsorizzati
Giorno: 30/03/2013, 19:35:23
Con il termine troll, nel gergo di Internet e delle comunità virtuali, si indica colui che interagisce con gli altri utenti tramite messaggi provocatori, irritanti, fuori tema o semplicemente senza senso, con l'obiettivo di disturbare la comunicazione e fomentare gli animi.
Alcuni fanno derivare il termine dall'omonima creatura propria della mitologia nordica; altri invece propendono per un significato alternativo del verbo inglese to troll, ossia muovere un'esca in modo tale da spingere un pesce ad abboccare.
Di norma l'obiettivo di un troll è far perdere la pazienza agli altri utenti, spingendoli a insultare e aggredire a loro volta: una tecnica comune del troll consiste nel prendere posizione in modo plateale, superficiale e arrogante su una questione vissuta come sensibile e già lungamente dibattuta degli altri membri della comunità (come ad es. l'uso dei chess-engines qui sul sito). In altri casi, il troll interviene in modo apparentemente insensato o volutamente ingenuo, con lo scopo di irridere quegli utenti che, non capendone gli obiettivi, si sforzano di rispondere a tono ingenerando ulteriore discussione e senza giungere ad alcuna conclusione concreta.
Un'analisi delle motivazioni dei troll porterebbe molto lontano: si può solo sommariamente accennare a ragioni come narcisismo, ricerca/bisogno di attenzione, attacchi personali, dispersione della ridondanza quale rapporto tra segnale e rumore (per annullare l'efficacia dei messaggi alla cui espressione una discussione è finalizzata).
Conquistare intero e intatto l'esercito nemico è prova di suprema abilità (Sun Tzu, L'arte della guerra)
Giorno: 30/03/2013, 20:07:40
vic, forse è giusto, ma sicuramente incompleto.

Ti pongo una domanda alla quale immagino non risponderai (forse) : da molto tempo tu non partecipi al forum, se non per aver inserito un quiz. Ti chiedo "perchè sei stato 'veloce' nello scrivere un tuo post su questo topic" ? Perchè questo argomento ti ha stimolato ad uscire fuori dal guscio ?
Eppure tutti siamo liberi di scrivere, come me che sono un "troll", riconosciuto tale. Tutti sanno che sono "montesannace il troll", come mi defini' Carotino.
Per sapere che significasse "troll" andai a documentarmi ed ebbi una sorpresa...
Giorno: 30/03/2013, 22:11:05
un troll è un umanoide che vive nelle foreste del nord europa
Giorno: 30/03/2013, 22:32:20
Giusto,onchess ! Il richiamo tra simili. biggrin.gif gli uuuuuuuuuu in luna piena tra le foreste del nord europa...tettetè, chi sono? Non piangere bambino, sono un troll ! cool.gif

@vic fontaine, sicuramente una domanda scontata.

Se tu fossi un motorista cosa faresti ?
Sicuramente apriresti un sito "dedicato" all'argomento. Vero, perchè sei una persona che vuole definire un ambito di spazio entro i propri interessi e nei quali altri possono, se desiderano, condividerli. Vero. Ed è giusto muoversi cosi', in rispetto dei desideri di chi accetta questo ambito di pensiero. Cioè, si propone una propria visione del gioco degli scacchi fatta con chess engine, e nella quale tutti contribuiscono al miglioramento dei risultati dei chess engine. Vero.
Dunque la mia domanda è : ho detto a RIDDICK che la sua cosiddetta "analisi", fatta al computer, non risponde al tema del topic e che la risposta data da Albitex è altrettanto nebulosa e va sull'amicale "volemose bene". Ho fatto presente ad Albitex che è stato polemico in una sua affermazione e che, anzi, lui ed orcodituapse sono usciti fuori tema dal topic. Vero.
Mi chiedo cosa c'entra questo con l'accusa di essere un "troll". E' questo che non mi spiego. Cosa c'entra il "troll", invece che dare una risposta ad alcuni giudizi "tecnici". In fondo la domanda posta :"siete in grado di dare una risposta alla posizione senza motore ? Si o no ? ". Se non siete capaci aprite un vostro sito per motoristi perchè io non capisco il vostro modo di partecipare e spiegare il gioco degli scacchi.
Siamo al primo stadio per capire cosa è un troll. Si dovrebbe aprire una indagine sui caratteri dei 'forumisti'. Sul mio che sono un "troll" e sugli altri
Giorno: 31/03/2013, 18:41:39
carissimo monte, non mi dire che ti mancavo ... biggrin.gif
Gli è che sono stato enormemonte impegnato in tutto questo tempo, ragion per cui le possibilità di loggarmi e di intervenire si sono purtroppo drasticamonte ridotte ...
ciao.gif
Conquistare intero e intatto l'esercito nemico è prova di suprema abilità (Sun Tzu, L'arte della guerra)
Giorno: 31/03/2013, 22:04:15
ciao vic, la partita Radjabov - Carlsen non finiva piu...ha vinto Carlsen.
Si mi fa piacere sentirti. Senti un po' ce la faresti a rimettere a posto questo forum ? Ultimamente è stato snobbato. Ho tentato di dare nuove idee , ma pare non siano state prese in considerazione.
ciao.gif

..a proposito..l'hai letta quella sciocchezza su Carlsen ? Uno qui dice che commette errori di 'concetto'. E senti l'altro che lo paragona ad un motore mediocre biggrin.gif...oh sciur! no , per favore fa qualcosa per rimettere le cose a posto..sei o no un collaboratore ? biggrin.gif
Giorno: 01/04/2013, 01:14:38
Allora diciamo che Magnus Carlsen è forse il migliore tra i super GM sulla piazza nella valutazione della posizione, è molto fortunato nel "trovare" vittorie in partite con posizioni dead draw grazie ai "??" avversari, ma è pur vero che questo accade perché MC è molto bobbyfischeriano nell'ignorare volutamente la parola "patta" dal proprio vocabolario, cosa che sconcerta alquanto i suoi avversari, obbligati a mantenere un livello di precisione assolutamente costante nella difesa.
MC è un grande tattico e, naturalmente, un eccellente super-calcolatore, ma forse non è altrettanto bravo in quella capacità di saper creare vantaggi a lungo termine, padroneggiata invece molto bene da un Anand e da un Kramnik: da notare come questa capacità sia assolutamente determinante e fondamentale in particolare quando si affronta un match (mentre giocando in torneo calcolo, tattica e padronanza della tecnica sono maggiormente utili), dato che nei match individuali l'approccio dello scacchista è di tipo sensibilmente diverso rispetto a quello impiegato in un torneo.
Noi conosciamo già le notevoli capacità e abilità nel giocare i match da parte di Anand (che aspetta a piè fermo il vincitore dei candidati per l'appuntamento mondiale del prossimo novembre 2013) e di Kramnik (già campione mondiale PCA nel 2000 nei Braingames di Londra contro Kasparov, e poi campione mondiale assoluto dopo il match di riunificazione a Elista 2006 contro Topalov, e oggi rimasto il solo a contendere a MC la vittoria nel torneo candidati), mentre il rendimento di Carlsen nei match è un assoluto mistero.
Conquistare intero e intatto l'esercito nemico è prova di suprema abilità (Sun Tzu, L'arte della guerra)
Giorno: 01/04/2013, 09:52:16
Guarda Monte, non so dove hai letto la frase che mi hai attribuito e cioè "Monte è un troll", ma sicuramente non l'ho scritta io. Non uso termini così sofisticati, lo sai che sono un grezzo montanaro e al massimo ti avrei dato del rompicoglioni. biggrin.gif

Comunque sono tutte discussioni inutili, i tornei fra "umani" sono ormai troppo noiosi, e si gioca molto più sulla memoria (nel ricordare le varianti trovate dal computer!) che sulla vera abilità.
Ormai vale la pena eliminarli e tenere solo quelli dilettanteschi... smile.gif
Sono una carota in cerca di sè stessa...
Giorno: 01/04/2013, 11:15:07
Vic, sono in disaccordo su molte cose.
Seguo i grandi tornei di scacchi da quasi dieci anni, edinoltre ho avuto tempo in vita mia di guardarmi non meno di dieci e forse anche dodici mila partite tra campioni, di ogni epoca.
E ti posso dire che per quanto mi riguarda io non ho mai visto nessun giocatore come kramnik; non parlo dei risultati ma di come vede e capisce la posizione.
Se ci fai caso praticamente in ogni partita di bianco e in diverse col nero, attorno alla trentesima, ha una posizione favorevole se non vincente.
Basta vedere nei post-mortem quanto parla lui e quanto in silenzio stanno gli altri, ascoltando il Verbo...
Anche quando sbaglia, e questo succede fondamentalmente sempre e solo in zeitnot, nei post-mortem spesso e volentieri cita la mossa migliore in un baleno, dimostrando che aveva visto il cammino giusto ma che in pratica non aveva avuto tempo per analizzare meglio.
Questo kramnik, che non è nemmeno un lontano parente di quello che sconfisse kasparov, perchè più lento, più sbadato e meno resistente, è ancora il giocatore che mi emoziona di più.
Molti guardano l'elo e cadono nel facile tranello di considerare migliore nel gioco chi ha un elo più alto.
Non è così.
L'elo misura i risultati ma la componente tecnica del gioco è solo uno dei fattori che produce i risultati.
Se così non fosse uno come ivanchuk dovrebbe essere molto più in alto sia in classifica elo che nella storia degli scacchi.
In defintiva, per il bene degli scacchi, sarebbe bene che andasse di nuovo kramnik a giocare con anand.
Gli scacchi non hanno bisogno di maratoneta che tintogna per 100 mosse ad ogni partita, giocando delle posizioni di un'aridità avvilente, che non prende mai un rischio, con uno stile a dir poco monocorde come carlsen...
Carlsen ha avuto la fortun di nascere nel 1990, ma fosse nato molto prima, avrebbe fatto la carriera di un gligoric o un ivkov qualsiasi; all'epoca i controlli del tempo erano più lunghi per cui il suo speculare sullo zeitnot altrui sarebbe stato vano ed inoltre, con le sospensioni delle parite, molti dei finali che vince perchè l'avversario è cotto e non vede più niente, non li vincerebbe.
Inoltre non è affatto vero che carlsen comprenda benissimo le posizioni: nelle sue partite ci sono una marea di mosse suboptimali, e il bello è che le fa lontano dallo zeitnot.
Ce ne sono talmente tanti di esempi che non saprei da dove iniziare.
Non è un caso in defintiva che abbia salvato diverse volte delle posizioni perfino disperate, ma solo perchè l'avversario ormai stanco commette sviste che dilapidano il vantaggio (tanto per restare in tema di questo torneo, sia con kramnik che con radjabov aveva partita strapersa).
Con una metafora secondo me azzeccata carlsen è una specie di fritz5 che respira: non si stanca, non commette svistoni, è molto attento tatticamente, ma ha un gioco poverissimo (rispetto a gente di quella fascia di elo) e non capisce molte sfumature posizionali.
A me uno così non piace e non piacerà mai.
Noi abbiamo bisogno di uno che giochi con energia, fantasia, che ami rischiare, che faccia innamorare le folle.
Poteva essere aronian ma in questo torneo s'è avuta la riprova defintiva che gli manca qualcosa.
Se non sarà di nuovo kramnik, allora spero sia caruana.