Forum pubblico/privato: Pubblico
Permessi di scrittura: Utenti registrati
Giorno: 16/01/2012, 19:36:51
Quando non hai nulla da dire è meglio stare zitto.

( mamma castoro al figlioletto nel film "Bambi"
Giorno: 17/01/2021, 04:56:36
Link sponsorizzati
Giorno: 16/01/2012, 20:06:24
Avrei molto da dire sulle castronerie che stai sparando (come al solito) ma siccome sono sempre le stesse ho sbadigliato...

[Bambi a Mamma castoro]
Sono una carota in cerca di sè stessa...
Giorno: 16/01/2012, 20:08:14
Zagalillo abbiamo capito che Tarascio è tuo amichetto, ma in Italia ci sono tanti istruttori, e non vedo perchè il principiante debba rivolgersi a questo Tarascio.

Comunque richiedo a Nophiq di chiudere questo Topic appellandomi alle stesse ragioni espresse da Carotino nel precedente.
"Non si vede bene che col cuore, l'essenziale è invisibile agli occhi" Antoine de Saint-Exupéry
Giorno: 16/01/2012, 21:55:52
Ed infatti ho scritto che se ci sono altri istruttori che fanno lezioni gratis come Tarascio, ben vengano.
Ne conosci? Dicci chi sono.

Per quanto riguarda la chiusura del topic, se l'argomento è di interesse di molti ( mica l'ho aperto io) chiuderlo sarebbe poco corretto.

Se interessa ad altri e non a Carotino basta che quest'ultimo non lo legga.
Giorno: 16/01/2012, 21:57:06
un topic si chiude se c'è un motivo serio per chiuderlo, se non piace non si legge e amen.

L'argomento era "Istruttori", i corsi federali per istruttori, quali categorie di istruttori esistono, cosa fanno. A chi si rivolgono effettivamente gli istruttori, in base alle competenze che questi corsi danno. Io ho riportato cosa so e un mio personale scetticismo sulle effettive competenze che i corsi possono dare.

Poi avete deviato su Bolt, Maag, e soldi. Soldi, soldi, soldi... cascando nella solita polemicuccia su quanto sia indispensabile avere un istruttore per migliorare... altrimenti non si migliora di niente.

Sarebbe interessante invece rimanere sul tema e mi pare che questo sito sia frequentato anche da istruttori, che potrebbero dire la loro. A vantaggio di chi vorrebbe nello specifico conoscere l'argomento istruttori federali in Italia. Conoscere solo conoscere. Come nota aggiungo che in Italia esistono pure le scuole federali, gestite da circoli. Qualcuno sa qualcosa? magari per esperienza diretta o indiretta?
Giorno: 16/01/2012, 22:28:15
Io sono istruttore di base e ho fatto quel corso intensivo di cui si parlava.
Utile? Senza dubbio, ti da un'ottima visione d'insieme, un approccio scientifico al problema che andrai ad affrontare, ti mette in contatto con altri istruttori con diverse esperienze, aiuta a vedere il tutto in prospettiva. Poi come tutti i pezzi di carta anche i pessimi istruttori lo possono conseguire e un sacco di ottimi istruttori non ce l'hanno e non ce l'avranno mai.
Sufficiente per poter certificare un buon istruttore? Assolutamente no, così come la patente di guida non certifica che chi ce l'ha sappia comportarsi per strada.
Fondamentale? A livello di contenuti, secondo me sì.

Penso che sia più un discorso di omologazione, con i suoi aspetti positivi e negativi. E' importante secondo me non sottovalutare la garanzia che chi ti insegna è almeno 3N, quindi uno che sa qualcosina in più che muovere il cavallo avanti e indietro e anche con un'almeno minima esperienza agonistica.

Infine, ti da' una certa autorità in più, soprattutto nell'aspetto organizzativo del corso. L'istruttore è più contento di presentarsi come istruttore FSI, la scuola è più propensa a ritenere che tu non sia l'ultimo arrivato, il genitore è contento, a ragione o a torto, di lasciare il figlio in buone mani certificate.
Giorno: 16/01/2012, 23:03:46
GRAZIE BOHEMIEN,

ora vorrei farti una domanda per capire ulteriormente, siccome non ho capito dal regolamento.

Qual'è il campo di intervento dei vari istruttori, se esiste un definito campo di intervento?

Ho visto che il base "lavora" con i principianti, giusto? ma c'è anche una definizione di età degli allievi? lo dico perchè vedo che il livello intermedio è detto istruttore giovanile. Cioè la formazione che si riceve è indirizzata a una fascia di età degli allievi? e per il "formatore"?
Giorno: 17/01/2012, 00:19:12
Benvenuto Bohemien, sono contento di sapere che in Italia ci sono anche altri istruttori oltre al solito Tarassoli (o come cavolo si chiama) che alcuni personaggi continuano a nominare!
La tua risposta è stata chiara e onesta. Cristallina direi! Se mai volessi prendere qualche lezione verrei sicuramente da una persona come te.

(Prendilo per un complimento, non per una sviolinata! biggrin.gif)

Carotino.
ciao.gif
Sono una carota in cerca di sè stessa...
Giorno: 17/01/2012, 10:03:29
@ghiceda
Non mi pare ci sia una definita fascia d'età formale per le 2 figure, anche se l'istruttore base andrà tipicamente a lavorare nelle scuole elementari o medie e l'adulto principiante che vuole imparare a giocare a scacchi da zero fa un po' da solo. Se invece di un corso base si vuole tenere un corso di perfezionamento allora entra in gioco l'istruttore giovanile, ma come si legge nel regolamento nulla vieta che si possa insegnare un po' a tutti, anche se lo scenario tipico è il corso destinato ai bambini uscenti da 1 o più anni di corso base. Penso che le definizioni siano lasciate un po' vaghe di proposito, per non essere troppo rigidi e lasciare la dovuta flessibilità per gestire le tantissime eccezioni che si possono presentare in ogni circolo, scuola, ecc.

@Carotino
Troppo buono! A differenza di molti non ho niente da dimostrare o da vendere, faccio quel che faccio per passione e posso permettermi di parlare onestamente. Comunque a leggere quel che scrivi mi sembra che saresti tu ad aver molto da insegnarmi, anche in mancanza di categorie e pezzi di carta! Ma se proprio vuoi ripassare il movimento dei pezzi, l'arrocco e, se ti senti pronto, l'en passant, sei calorosamente invitato a farti avanti ;-)
Giorno: 17/01/2012, 11:44:21
Intervengo per dare supporto a Bohemièn. Sono anche io istruttore di "livello uno" (base), purtroppo non ho mai avuto il tempo di passare a "livello due" perchè il corso richiesto è abbastanza pesantino (4 o 5 weekend pieni consecutivi) nonostante abbia tutti i requisiti (categoria e esperienza di insegnamento).

Il mio modesto consiglio in genere è di diffidare degli "istruttori personalizzati online" (anche se all'inizio si presentano come gratuiti) fino a che non si capisce bene "a che punto si sta". Mi spiego: all'inizio (soprattutto nel caso di bambini) è molto più utile un bel corso "collettivo" improntato al *gioco* più che al miglioramento; una lezione faccia-a-faccia con un istruttore molto più forte in questi casi è poco utile, meglio una sana classe mista in cui alle nozioni di base si aggiunga un bel po' di divertimento. In seguito, sempre meglio un contatto "diretto" con altri allievi, seguiti sì da istruttori ma non con lezioni dirette (troppo pesanti per un ragazzino).

PEr quanto riguarda l'adulto che vuole imparare, generalmente l'istruttore personale è un secondo step rispetto a qualche corso collettivo e/o libro di studio, e serve più che altro per "raddrizzare la rotta" agli autodidatti.
Kings will be kings Pawns will be pawns