Forum pubblico/privato: Pubblico
Permessi di scrittura: Utenti registrati
Giorno: 19/10/2011, 23:30:25
Giocare a scacchi? Perché mai?
Come da titolo(leggermente provocante), se vi chiedessero 10 buoni motivi per apprendere l'arte del nobil giuoco, voi cosa direste? Si aspettano opinioni! ciao.gif
"Signor Steiniz",disse un affarista milionario,"Voi partecipate ai tornei di scacchi solo per i soldi, mentre io ci vengo soltanto per l'onore!" "Ebbene",rispose il campione," Ognuno gioca per quello che non ha".
Giorno: 23/10/2020, 23:07:45
Link sponsorizzati
Giorno: 20/10/2011, 00:48:42
1) Stimola la mente
2) E' creativo
3) E' una sfida con se stessi
4) Richiede carattere e coraggio
5) Non si finisce mai di imparare
6) E' un'arte
7) La fortuna non c'entra nulla
8) E' un buon passatempo
9) Si impara a perdere
10) O si ama o si odia
Giorno: 20/10/2011, 10:09:33
Semplicemente perchè è un gioco bellissimo. Naturalmente ci saranno persone alle quali non piacerà, ma prima di giudicare, dovrebbero provare.
biggrin.gif
Salvatore - "In me vis sortis nulla sed ingenium"- "Dalle sconfitte alla vittoria: è questa la strada di ogni scacchista!" : Jurij Averbach.
Giorno: 20/10/2011, 12:08:16
1) Gioco
2) Sport
3) Scienza
4) Arte
5) Guerra
6) Annientamento dell'avversario e, al contempo, sano passatempo
7) Costante sfida con se stessi per migliorare
8) Talento e duro lavoro importanti nella stessa misura
9) Importanza relativamente nulla del fattore C, quando si perde non ci sono scuse, si perde e basta
10) Logici, ma non materialmente risolvibili
11) Profondi e ricchissimi, difficilissimo padroneggiarli, facilissimo perdersi, ci si può dedicare la vita intera e trovarci sempre qualcosa che stupisca, oppure farsi assorbire al punto da perdere lentamente ma inesorabilmente il senno
12) Formativi a tutte le età
13) Inutili, e la passione per l'inutile ci mantiene giovani per sempre
14) Nobili, e quindi, non per tutti
15) Estremamente riduttivo limitarsi a 10 buone ragioni
Giorno: 20/10/2011, 14:59:57
Articolate pure un pensiero senza dover elencare 10 punti che forse è meglio...

11) Profondi e ricchissimi, difficilissimo padroneggiarli, facilissimo perdersi, ci si può dedicare la vita intera e trovarci sempre qualcosa che stupisca, oppure farsi assorbire al punto da perdere lentamente ma inesorabilmente il senno

La parte ultima di questo punto 11 io la inserirei tra i punti negativi, come il fatto che stimolano la sedentarietà e inducono una possibile non attività fisica, col rischio di tutto ciò che questo comporta; essenzialmente gli aspetti negativi sono questi secondo me: 1)sedentarietà; 2)rischio di darci troppa importanza e dimenticarsi di ciò che davvero conta nella vita; 3) rimanere ossessionati dal gioco e perdere il senno, che è una conseguenza del punto 2. E badate bene che serve un grande equilibrio per non arrivare a questi livelli quando si dedica molto tempo al gioco? Conoscete qualche forte giocatotore che dalla gente comune è considerato una persona svitata? Io ne ho viste varie...

I lati positivi essenzialmente secondo me sono che si deve contare solo sulle proprie forze sulla scacchiera, che sviluppano doti logiche e razionali, che insegnano a pensare prima di agire, che insegnano a valutare posizioni e quindi ponderare le mosse in base a queste e così nella vita, traslando il concetto, aiutano a valutare situazioni e a comportarsi di conseguenza.

Insomma più o meno questo è il mio pensiero a riguardo, già che ci siamo, anche se siete di parte, ditemi anche delle ragioni per cui forse è meglio non giocare ciao.gif
"Signor Steiniz",disse un affarista milionario,"Voi partecipate ai tornei di scacchi solo per i soldi, mentre io ci vengo soltanto per l'onore!" "Ebbene",rispose il campione," Ognuno gioca per quello che non ha".
Giorno: 21/10/2011, 15:46:51
Il motivo principale per cui mi ci dedico è la convinzione di riuscire attraverso gli scacchi a sviluppare una percentuale sempre maggiore del mio beneamato cervello pigroncello. Ogni partita è un poderoso colpo di tronco; il portone, per quanto robusto, alla fin fine cederà. E devo dire che la metafora botanico-bellica vale anche per le partite a tempo, naturalmente a parità di impegno cerebrale. Sarei una volpe se dicessi di non voler un giorno diventare un pezzo grosso (un "pezzo grosso", capite? zizi.gif) nel mondo scacchistico, ma essendo ben conscio dell'impossibilità che questo accada, preferisco usare la scacchiera per i miei fini anziché diventarne il servitore.
Supporta anche tu i progressi scacchistici di Qfwfq. È gratuito. Commenta le sue valutazioni delle posizioni, tratte da partite che hanno fatto la storia del Nobil Giuuooco. Un piccolo gesto per te, un futuro grande passo per la FSI.
Giorno: 21/10/2011, 16:38:53
io li trovo terribilmente affascinanti
ogni posizione ha un che di esteticamente bello e ordinato
mi piace anche osservare la scacchiera da quasi rasoterra come se fossi li' al bordo a osservare la battaglia
(forse sono gia' sulla buona via della perdita del senno! biggrin.gif)

poi mi piace la strategia, mi piacciono le cose in cui a parita' di forza o con poca forza ottengono risultati maggiori semplicemente con una diversa disposizione o con un movimento differente

ti allena a analizzare le situazioni nella vita reale con un ottica piu' vasta, a considerare anche dettagli minori altrimenti abitualmente trascurati
(sempre piu' inoltrato nel sentiero dei senza senno! biggrin.gif senza ritorno! biggrin.gif)

non ho paura di diventare uno di quei vecchi che non sa far nulla nel suo tempo e porta la sedia del salotto in strada e si siede a guardar passare le macchine
non ho paura di morire di noia
avro' sempre qualcosa di interessante e costruttivo per allenare il cervello e non ammuffire

ossessivita' cattiveria e deperimento fisico sono in effetti le minacce di danno derivanti da questa bella passione

effettivamente e' un'attivita' che va unita a una seconda attivita' di cura del fisico
per questo ho inventato una nuova disciplina!!! Ebbene si' signori... l'ho chiamata...

il VOGASCACCHI!
un bel vogatore, recente acquisto molto ponderato....
e via, sessione aerobica con sgabello e scacchiera e posizione attualmente in partita davanti al vogatore biggrin.gifbiggrin.gifbiggrin.gifbiggrin.gif

ciao.gif
- Comandante Logar? C'è un oggetto in avvicinamento. - Quello è il nostro pianeta! Deficiente! Ma dove vivi?
Giorno: 21/10/2011, 17:47:03
Caro Somadai, il tuo intervento mi ha veramente impressionato. Mi ha impressionato perché da ogni singola parola traspare la forte passione che nutri per questo memorabile e permaloso gioco. Mi hai inoltre incuriosito, perciò non giudicarmi indiscreto se ti chiedo quanto tempo dedichi in media al giorno allo studio teorico e quanto alla pratica. Sei un giocatore da torneo?

Ti dirò, se la giornata fosse di 30 ore, o se potessi conservare lucidità e buona salute pur senza dormire, dedicherei agli scacchi buona parte del mio tempo libero, che sarebbe allora assai più consistente. Ma essendo le giornate di sole 24 ore, e non potendo eludere il sonno, mi ritrovo nella frustrante situazione di dover optare delle scelte. Dal mese di agosto non è passato giorno senza che facessi almeno una partita. Gioco per lo più a tarda sera, perchè soltanto allora finisco di studiare e/o leggere e/o ascoltare musica. Ma gioco, ahimè, a tempo: 15 minuti, raramente 3 minuti, perché in rete nessuno si presta senza tempo. Riesco anche a portare a termine clamorose vittorie. L'altra sera ho battuto un 1194 in schacchisti dopo aver dominato. Gli ho dato matto quando mancava 1/3 di secondo allo scadere del mio tempo (lui aveva ancora 8 minuti ca.). E' stata una bella soddisfazione, anche perché perdo spesso per mancanza di tempo o per via di sviste eclatanti. In certi frangenti mi accorgo di avere il match in pugno, di possedere il completo controllo del centro, che basterebbero una quindicina di minuti per orchestrare una combinazione di matto (o comunque una combinazione devastante) che lascerebbe a bocca aperta il mio avversario e che mi donerebbe la certezza di star migliorando, ma devo appunto rinunciarvi perché a corto di secondi. Si può dunque continuare a parlare di schacchi? Non è, come diceva Fisher, qualcosa di diverso?

Mi rendo conto, brillante Samodai, di averti esposto problemi lontani tra loro e che tu non sappia ora che pesci prendere, o che magari tu possa pensare che io non ci sia tanto dentro col cervello, ma a scanso di equivoci vorrei che tu sapessi che sono mosso dalla più sincera ammirazione e onestà di intenti.
Supporta anche tu i progressi scacchistici di Qfwfq. È gratuito. Commenta le sue valutazioni delle posizioni, tratte da partite che hanno fatto la storia del Nobil Giuuooco. Un piccolo gesto per te, un futuro grande passo per la FSI.
Giorno: 22/10/2011, 00:22:23
Gli scacchi sono una metafora della vita stessa, ascoltate "che strano gioco è" di Renato Zero! ;)

http://www.youtube.com/watch?v=u52IEOi9FgI
alessandro
Giorno: 22/10/2011, 19:18:18
Ciao QFWTF?Q
sono lieto delle tue osservazioni e ti ringrazio molto
interpreto tutto quello che hai scritto in un modo molto semplice: risonanza
come se "le tue corde si fossero mosse da sole"

non ho mai pensato nemmeno per un nanosecondo che tu potessi non esserci tanto dentro con la testa... o forse, nel caso fosse vero, non me ne sono accorto perche' probabilmente sono s-centrato nella stessa misura
e nessuna indiscrezione ti spiego tranquillamente

questione tempo
purtroppo troppo poco, vorrei poterne dedicare anch'io di + anche se non annullerei tutto il tempo libero
ci sono anche altri svaghi belli e interessanti che vanno seguiti, credo che la varieta' sia ossigeno indispensabile smile.gif
purtroppo invece le ore son poche e le attivita' tante e oltre a quelle del caso facilmente immaginabili aggiungo fare la spesa lavare stirare.... e la fetta di tempo tagliata via e' tristemente spessa
in sintesi, non riesco a dedicarmi tutti i giorni, alle volte un'ora o 2
qualche volta mi e' capitato di essere in palla e su un punto travolgente della partita e arrivato a casa dal lav (alle 18 circa) mi metto sulla posizione e quando guardo l'orologio la seconda volta e' mezzanotte....
se non altro e' risolto il problema del lavaggio piatti!

teoria/pratica
e' solo un anno che ho scoperto questi 2 siti (gs e queenalice) e mi sono imposto finalmente costanza, una partita per sito, ma di non smettere piu'
la pratica e' tutta qua...
sono solo uno studente e ancora alle elementari...
tornei mai fatti... il primo e' al momento in corso, ma niente di ufficiale, e' un semplice torneo amichevole molto casalingo con gli amici del circolo qui su gs
teoria prima un po' di piu'.... ora un momento di rallentamento... non e' che ci sia una ricetta...
il buon senso direbbe in media un 50%, ma mentre la pratica diventa facilmente costante, la teoria deve seguire i suoi ritmi, ha un suo metabolismo, va piu' a periodi, alle volte una botta alle volte una pausa
e' noto che la curva dell'apprendimento umano e' a scalini! in qualsiasi campo cool.gif

gioco solo x corrispondenza e a tempi lunghi (a tavolino gli amici si sono ritirati frown.gif)
quindi non posso e non devo dare un parere sulle veloci che hai descritto, ne' tanto meno potrei contraddire il vecchio Bobby
non ho esperienza in questo campo, posso solo dire che mi da l'idea che continuino a essere scacchi ma nello stile (estremamente) "d'intuito"
non mi sento ancora pronto per questo mestiere, sono ancora alle basi smile.gif
non mi sembra quindi di aver bisogno di prendere pesci percio' sparisce l'incertezza su quali scegliere cool.gif

spero che kid non consideri questo mio ennesimo sproloquio offtopic, ma in qualche modo una sorta di risposta del perche' e percome smile.gif
alla prossima
ciao!
ciao.gif
- Comandante Logar? C'è un oggetto in avvicinamento. - Quello è il nostro pianeta! Deficiente! Ma dove vivi?