Forum pubblico/privato: Pubblico
Permessi di scrittura: Utenti registrati
Giorno: 21/12/2018, 20:30:29
Una linea pepata
Questa posizione deriva da una linea alquanto pepata dell'Est Indiana e fu analizzata, nel 1984, da Stefano Tatai e Fabio Lotti (Due Alfieri nr.37 e 41).

Il Nero ha sacrificato la qualità per un pedone e i suoi pezzi sono ben sviluppati e pronti all'attacco, mentre il Bianco è in ritardo di sviluppo ed ha qualche difficoltà a sviluppare le sue torri, per questo la posizione venne giudicata pari.

Le varianti analizzate furono:

a) 24.Dxc4;
b) 24.Tc1;
c) 24.Da4;
d) 24.Dd2;

Tutte queste varianti dovrebbero portare alla parità (ma non è detto!) ma il computer suggerisce invece 24.Dd1!, con vantaggio stimato di circa un pedone per il Bianco.
E' sufficiente per la vittoria? Quali suggerimenti per il Nero?

abcdefgh
8
8
7
7
6
6
5
5
4
4
3
3
2
2
1
1
abcdefgh
Fen: 5rk1/7p/p2p2pb/n2Ppp2/1pq5/4P1P1/P1Q2P1P/RN3RK1 w - - 0 1
Sono una carota in cerca di sè stessa...
Giorno: 27/06/2019, 04:19:03
Link sponsorizzati
Giorno: 22/12/2018, 00:02:02
La Ta1 è l'elemento che permette al Bianco di avere il vantaggio indicato dal CE ed è quindi sconsigliato il cambio delle Regine (.Dxc4)

Il Nero è in forte vantaggio nel solo confronto Re + Pedoni; indipendentemente dal guadagno di un Pedone.
Dovrebbe sicuramente essere più che soddisfatto per i due Pedoni “a” e “b” ( “a” si affianca a “b”) .Il Pedone e4 spinto sulla casa e5 completa la scala e frena qualsivoglia azione del Re Bianco se non quella di posizionarsi sulla casa b2 per annullare l'azione di promozione dei due Pedoni “a “e “b”; il Re Nero, grazie allo spazio creato dal Pe5, si muoverebbe per raggiungere e guadagnare il Pd5, può posizionarsi sulla casa c4 con l'idea di occupare la casa c3 (!). Il ricordo di Sceviscen (si scrive diversamentè da come si legge) è onorato.

Nel confronto R+P+A+C (Nero) e R+P+C (Bianco) il vantaggio posizionale del Nero è enorme:
.Rf1 Rf7, .Re2 e4, .Rd2 Ag7, .h4 Rf6, .a3 bxa3, .Cxa3 Re5, .h5 gxh5......

La Ta1 fa la differenza.

Si conosce il “perchè" tecnico Stefano Tatai e Fabio Lotti si siano indirizzati alla valutazione delle “varianti”
24.Dxc4, 24.Tc1, 24.Da4, 24.Dd2 ?

In particolare perchè la 24.Dd2? In quegli anni era in voga, senno di poi, tanto insano "ottimismo didattico"

Continua.......

Cordialità
"Chiunque desideri diventare un fuoriclasse deve affinare le sue capacità nell'analisi scacchistica" (M. Botvinnik)