Forum pubblico/privato: Pubblico
Permessi di scrittura: Utenti registrati
Giorno: 28/11/2012, 14:13:30
Spagnola: la Variante Mariotti.
1.e4 e5 2.Cf3 Cc6 3.Ab5 Df6!?

abcdefgh
8
8
7
7
6
6
5
5
4
4
3
3
2
2
1
1
abcdefgh
Fen: r1b1kbnr/pppp1ppp/2n2q2/1B2p3/4P3/5N2/PPPP1PPP/RNBQK2R w - - 0 1


La prima apparizione di questa variante si ebbe nel XIX secolo, quando Horwitz la giocò, senza molta fortuna a dire il vero, contro Howard Staunton. Timidi tentativi si ebbero poi da parte di Lasker e Paulsen, ma l'esito fu altrettanto negativo.
La variante sarebbe rimasta per sempre nel novero delle "stranezze storiche" se non fosse per il mitico Sergio Mariotti, il nostro primo GM (se si esclude Esteban Canal) che agli inizi degli anni '70 la utilizzò abbastanza spesso. Dopo un periodo in cui essa veniva giocata in tutti i tornei nazionali, la variante perse slancio anche perchè qualcuno affermò che era scorretta.
La Donna in f6, dissero gli analisti, è troppo vulnerabile e soggetta agli attacchi, la casa c7 diventa pericolasamente debole ed inoltre la Donna intralcia lo sviluppo dell'ala di Re... Ma è poi veramente così?
Steinitz ad esempio aveva una grandissima simpatia per questo inusuale sviluppo della Donna, alla quale associava lo sviluppo dei cavalli in e7 e c6. Osserviamo questo schema di sviluppo in un paio di partite. Tanto per farci un'idea...

1.e4 e5 2.Cf3 Cc6 3.Ac4 Ac5 4.b4 Axb4 5.c3 Aa5 6.O-O Df6 7.d4 Cge7 8.Cg5 Cd8 9.f4 exd4 10.cxd4 Ab6 11.Ae3 d5!
abcdefgh
8
8
7
7
6
6
5
5
4
4
3
3
2
2
1
1
abcdefgh
Fen: r2nk2r/ppp1nppp/1b3q2/3p2N1/2BPPP2/4B3/P5PP/RN1Q1RK1 w - - 0 1

1.e4 e5 2.Cf3 Cc6 3.Ac4 Ac5 4.b4 Axb4 5.c3 Aa5 6.O-O Df6 7.d4 Cge7 8.Ag5 Dd6!? 9.Db3 O-O 10.Td1 Ab6!? 11.dxe5 Dg6! 12.Da3 f6!

abcdefgh
8
8
7
7
6
6
5
5
4
4
3
3
2
2
1
1
abcdefgh
Fen: r1bnk2r/ppppn1pp/3q1p2/b2Pp1B1/Q1B1P3/2P2N2/P4PPP/RN3RK1 w - - 0 1

Lo stile di Steinitz era geniale e nessuno è riuscito a imitarlo in seguito. Le sue posizioni sembrano, a prima vista, un assurdo intrico di pezzi mentre in realtà sono Matematica pura! Si noti che in ambedue le partite Steinitz ha mosso UN solo pedone, pur senza aver ceduto il centro e che la Donna può viaggiare senza problemi sulla 6a traversa. I cavalli possono sembrare chiusi e passivi ma in realtà svolgono benissimo il loro lavoro e in poche mosse saranno attivi.

L'idea che propongo è quindi quella non di buttarsi allo sbaraglio sull'ala di Re, ma di svilupparsi "alla Steinitz". Come esperimento ho provato a giocarla contro Houdini e il risultato non è stato malvagio:

1.e4 e5 2.Cf3 Cc6 3.Ab5 Df6!?

4.c3 Cge7 5.O-O h6 6.d4 Cg6 7.Ae3 Ae7 8.Cbd2 O-O 9.dxe5 Ccxe5 10.Cxe5 Dxe5! 11.Ad3 Ac5

Con l'idea di alleggerire la posizione tramite dei cambi.

12.Cc4 De7 13.Dd2 Te8 14.Axc5 Dxc5 15.b4 Dc6

abcdefgh
8
8
7
7
6
6
5
5
4
4
3
3
2
2
1
1
abcdefgh
Fen: r1b1r1k1/pppp1pp1/2q3np/8/1PN1P3/2PB4/P2Q1PPP/R4RK1 w - - 0 1

E non sembra che il Bianco possa vantarsi di qualche vantaggio, anzi, ad occhio mi piace di più il Nero!

Che ne pensate? E' giocabile o ci sono dei punti deboli di qualche genere che non sono riuscito a vedere?
Sono una carota in cerca di sè stessa...
Giorno: 24/11/2020, 22:12:12
Link sponsorizzati
Giorno: 28/11/2012, 16:32:36
Approfitto dei buoni consigli del Maestro Tarascio per abbozzare un'analisi della posizione alla fine della variante.

abcdefgh
8
8
7
7
6
6
5
5
4
4
3
3
2
2
1
1
abcdefgh
Fen: r1b1r1k1/pppp1pp1/2q3np/8/1PN1P3/2PB4/P2Q1PPP/R4RK1 w - - 0 1

Ambedue i colori hanno struttura pedonale integra e senza particolari debolezze (doppiature, isolani, ecc.). Il Bianco gode di un certo vantaggio di spazio, grazie all'avamposto centrale in e4 ed una posizione più ariosa che gli permetterà di manovrare liberamente. Per contro il Nero non ha nessun punto debole e potrà eventualmente usare il Pb4 come "appiglio". Per terminare lo sviluppo deve dare spazio all'Ac8, cosa che potrebbe aversi con la spinta in d5, che otterrebbe anche lo scopo di liquidare l'avamposto centrale aversario. Proprio per quest'ultima considerazione, ritengo che il Bianco dovrebbe giocare Ce3, centralizzando il cavallo ed impedendo la spinta "liberante" del Nero... A cui passo la palla!
Sono una carota in cerca di sè stessa...
Giorno: 28/11/2012, 17:08:24
Ruy Lopez
Provo a dare seguito agli interventi di stamattina.

La domanda principale, quando osservo questi tipi di posts sulle aperture, è: ma sono giocabili da un dilettante medio? Ok, Mariotti era Mariotti. Ed anche Nakamura, col suo articolo su 1.e4 e5 2.Dh5 (New in Chess) non scherza. Ma a livelli umani, cosa succede? Qual è il piano del Nero? Uscire dalla teoria nota? Giocare "come un motore"? Vediamo.

1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 Df6
{Questa mossa è giustificata dalla lotta attorno alle case centrali (e5, d4) ma rigetta il principio della "minima compromissione" (la Donna, sviluppata precocemente, può essere oggetto di mosse che guadagnano un tempo). Per il Bianco è molto importante giocare attivamente per guadagnare l'iniziativa (creare minacce a ripetizione) usando la scarsa coordinazione nel campo del Nero.}
4. O-O
{il Bianco completa lo sviluppo del lato di Re, prima di prendere iniziative centrali. Le alternative, 4.c3 o 4. Cc3 sono entrambe ragionevoli, ma hanno il difetto di mostrare subito al Nero il PROPRIO PIANO (spingere in d4 o giocare la aggressiva Cd5).
Ora, IL NERO DEVE CHIARIRE IL SUO PIANO, se no il post di Carotino rimane senza spiegazione logica.
Quale setup intende adottare, coi pezzi neri?
Credo che le alternative siano solo due, Ac5 o Cge7.} 4...Ac5
{con l'immediata 4... Cge7 il Nero perde momentaneamente il controllo della casa d5. Dopo 5. Cc3 {una mossa logica, che sfrutta le conseguenze dell'ultima mossa del Nero) il Bianco ha uno sviluppo piacevole, credo.)
5. c3
Gli obiettivi del Nero sono la casa centrale d4- ed il pedone f2; però il Bianco può avvantaggiarsi cercando di attaccare l'alfiere con c2-c3 e d2-d4, od usare l'assenza dell'Ae7 con Ac1-g5.
5...Cge7
ora, però, ho una spiacevole osservazione. Credevamo di stare in un territorio vergine ed inesplorato, dove i motori di ultima generazione cavalcano liberi... ma, in realtà, siamo nella buona, vecchia, C64 Ruy Lopez Classica con 3...Ac5 descritta in tutti i libri sulla
Spagnola!
Accidenti! Ora, o Carotino ci mostra un PIANO alternativo per il Nero, oppure sono stati solo fuochi d'artificio inutili. Mariotti era molto bravo, come fuochista (mitica la Mariotti-Gligoric dell'Interzonale, dove giocò 1.d4 2.c4 poi e4,f4 ed h4!! Tutti i pedoni avanti, contro l'Est-Indiana del buon teorico Gligoric). Ma un NC, un seconda nazionale, col Nero, può infilarsi in questa apertura? L'onere della prova spetta a Carotino...
mmmm.gif
www.istruttorescacchi.it
Giorno: 28/11/2012, 17:08:25
Ciao Carotino,

scusa ma non sto bene di salute (nulla di grave, chiedi al mio segretario), poi stamattina mi sembrava di stare sui carboni ardenti, non so neanche il perché....

Ho guardato l'ultima posizione, concordo con il tuo giudizio in generale e aggiungo la mia opinione.

Il bianco sta meglio, vantaggio di spazio pezzi collocati su buone case, buon controllo del centro... inoltre è già praticamente pronto per incrementare la sua posizione con la spinta in f4 che attiva pure la torre f1, insomma....

Di contro il nero non mi piace, il cavallo è collocato in una casa innaturale, l'alfiere non fa nulla, la regina mi pare un pò a corto d'aria, l'arrocco mi pare configurato male.

Volendo giocare con il nero i miei problemi sarebbero: il cavallo, l'alfiere, il mio avversario.

Partiamo dall'alfiere, non vedo una casa buona per lui, non vedo uno sviluppo attivo, vogliamo metterlo in e6? 1...d6 2 f4 e la minaccia di doppio mi fa ripiegare su 2 Ad7 da dove fa poco o nulla.

Il bianco? mi minaccia pure c4 e adesso non riesco a calcolare ma temo un ingabbiamento per la mia regina.

Il cavallo. L'ultima mossa del bianco concede al cavallo nero la casa e5. Effettivamente considero questa mossa interessante. Minaccio di cambiare l'alfiere bianco, oppure dopo la ritirata dell'alfiere posso pensare a Cc4 per cambiare il cavallo bianco.

L'idea generale diventa: visto che ho i pezzi mal piazzati e poco spazio, favorire il cambio dei pezzi dovrebbe risolvere qualche problema.

Adesso dovrei calcolare in concreto la candidata 1... Ce5 e verificare meglio i miei piani, le possibili alternative e le contro mosse del bianco ma, scusa, non riesco, oggi non sono in grado.

ciao
Giorno: 28/11/2012, 17:54:30
Naturalmente non sto sostenendo la completa correttezza della variante. Però penso che sia istruttivo anche analizzare le varianti dubbie e vedere PERCHE' lo sono, come stiamo facendo proprio adesso!
Quindi farò da "avvocato del Diavolo" e proverò a difendere la posizione e cercare di confutare le vostre tesi. biggrin.gif

Una prima osservazione che vi faccio è di ordine non scacchistico, ma di semplice buon senso:

«Cavoli, l'ha usata anche Alekhine qualche volta, quindi dev'essere per forza giusta!» ;-)

La mossa che invece vorrei giocare è secondo lo schema di Steinitz e cioè 4... Cge7 perchè ho visto che con l'alternativa 4... Ac5 il Nero finisce sempre sotto. preferisco quindi sviluppare questo alfiere in maniera più modesta in e7 (dopo Cg6). E' vero che il Bianco può giocare 5.Cc3, ma confido di limitare i danni ed inoltre il Bianco non può più giocare c3 e d4.

@Ghiceda: il mio idolo è il Sommo Boemo, quindi la carenza di spazio non mi spaventa per niente anzi, spendo meno di riscaldamento! zizi.gif
Sono una carota in cerca di sè stessa...
Giorno: 28/11/2012, 18:37:48
Ry Lopez con 3...Df6
Bene, ora che conosciamo l'idea del Nero concludiamo il discorso.
1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 Df6 4. O-O Cge7
Bene, allora siamo arrivati in questa posizione. Una rapida ricerca con Chessbase ci fa scoprire che l'unico giocatore decente che l'abbia provata è il Maestro FIDE Tikhomirov Sergei (Elo 2326) il quale, dopo la naturale 5. Cc3 ha proseguito, in due partite, con
a6 6. Aa4 d6
e questa è proprio l'idea di Carotino. Ora vuole giocare Ad7 e Cg6. Il piano del Bianco l'ho descritto nel post precedente: giocare attivamente (minacce continue) per sfruttare il vantaggio di sviluppo e l'innaturale posizione della Donna nera.
7. d4!
il Bianco apre il gioco, come diretta Conseguenza del vantaggio di sviluppo. Ora, in una partita a tavolino, il Nero ha già avuto la prima scarica di diarrea (scusate il termine, ma è proprio così, che avviene). 7...b5 {credo sia forzata, per
salvare il Cc6}
8. dxe5 {il Bianco segue sempre il suo piano: apre il gioco. Non ha bisogno di calcoli. Viceversa, il Nero ora deve stare molto attento.}
8...Cxe5 (se invece ricattura con 8... dxe5 9. Axb5 axb5 10. Cxb5 ed il Nero ha finito la carta igienica, oramai. E sta pensando a Carotino...}
9. Cxe5 dxe5 10. Ab3
il Bianco ha completato lo sviluppo ed ha una piacevole scelta. Può 1) attaccare sul lato di Donna, con la spinta di rottura a4. Può 2) attaccare al centro, con Cd5. Può 3)attaccare sul lato di Re, con f4.
Il PIANO del Nero, invece, è...non lo so.

In conclusione. Se i GM non giocano una apertura che infrange i Sacri Principi ("non compromettere subito la Donna in apertura") il motivo ci deve essere. Se no,
non gioco più a Scacchi, ma a Bingo. L'uso del motore, in fase d'apertura, ha parecchi limiti, e questo esperimento credo li abbia mostrati con efficacia. La variante mostrata nel primo post di Carotino era giusta, secondo la logica di Rybka, ma l'umano, in torneo, ha bisogno di mosse logiche, scelte in base ai Principi, che lo devono portare in posizioni FACILI da giocare e, soprattutto, economiche (la Scottex è aumentata di prezzo, dopo le aperture consigliate da Carotino).
Questa è l'opinione (discutibile, ovvio) che traggo, da questa analisi.
Mi fermo qui, per ora. Ho rotto le scatole abbastanza, a Carotino.
www.istruttorescacchi.it
Giorno: 28/11/2012, 18:49:47
Ma no, affatto. Come ho già detto, il valore didattico di una variante minore, sta proprio nel capire il perchè sia considerata minore, e non accontentarsi di un generico giudizio del tipo "è cattiva e stop!"...

Però la mossa 5.a6 è secondo me, inappropriata e non serve a niente. Guardando la scacchiera invece, si potrà notare che siamo entrati in una posizione simile a quelle che troviamo nella Quattro Cavalli.
Dal vecchio (ma sempre buono) "Porreccone" ho imparato che la mossa di Bird (Cd4) che nella Spagnola non è molto buona, nella Quattro Cavalli è invece molto efficace, come ha dmostrato più volte Rubistein. Quindi col Nero giocherei senz'altro (dopo 1.e4 e5 2.Cf3 Cc6 3.Ab5 Df6 4.O-O Cge7 5.Cc3):

5.Cd4

Evitando, almeno per il momento, lo spiacevole disagio fisico indicato da Giuseppe. smile.gif
Sono una carota in cerca di sè stessa...
Giorno: 28/11/2012, 19:40:41
Ry Lopez variante Bird
Non ti arrendi! Ok, vediamo...

1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 Df6 4. O-O Cge7 5. Cc3 Cd4 Siamo entrati, per trasposizione, nella variante Bird della Spagnola. Dopo la sequenza forzata e logica
6. Cxd4 exd4 7. Ce2 Cg6 8. d3 Ae7 9. f4

abcdefgh
8
8
7
7
6
6
5
5
4
4
3
3
2
2
1
1
abcdefgh
Fen: r1b1k2r/ppppbppp/5qn1/1B6/3pPP2/3P4/PPP1N1PP/R1BQ1RK1 b - - 0 1


Analizziamo le Conseguenze delle ultime mosse!
-il Nero ha un forte pedone in d4, che nella Bird di solito limita lo sviluppo dei pezzi minori del Bianco del lato di Donna, ma qui il Bianco ha già giocato Cc3, e dunque non ha problemi
-il Bianco ha una maggioranza pedonale sul lato di Re
-dopo d7-d5 il Nero avrà una certa superiorità nel centro
-l'Ab5 ha finito la sua missione sulla diagonale a4-e8 e quindi il Bianco deve piazzarlo sulla diagonale a2-g8 per premere su f7 ed impedire la spinta ....d5
-il Bianco ha un vantaggio di sviluppo ed egli domina le case chiare.
Il Bianco sta meglio.
Tale giudizio sulla posizione può essere anche oggetto di discussione (anche se, francamente, preferirei giocare col Bianco).
Il problema vero, irrisolto, rimane quello del mio studente terza nazionale: voleva studiare poca teoria, usando una linea secondaria, seguendo i consigli di questo Forum, e si trova a dover studiare sia la Ruy Lopez Classica con ...Ac5 e sia la variante Bird.
In entrambi i casi, finirà in un mediogioco poco piacevole da giocare, in quanto il Bianco ( niente di eccezionale: una seconda nazionale, ma un tipo solido, rognoso. Uno che non si alza mai per andare in bagno...) ha un PIANO ben visibile (attacco sul lato di Re), mentre il Nero non ha attività nè al centro nè al lato di Donna.
Proporre una strada in salita, quando vi è l'autostrada a pochi passi, rappresentata dalle linee classiche, adottate dalla maggioranza dei professionisti, non mi sembra una idea
irresistibile...
confused.gif
www.istruttorescacchi.it
Giorno: 28/11/2012, 20:35:29
E qui finalmente la variante comincia a mostrare la corda, e possiamo capire alcuni dei motivi per cui è stata abbandonata... Anche se non tutti.
Infatti è pur vero che il Bianco ha maggior spazio ed una posizione leggermente superiore, ma da qui a trasformare in vittoria questo piccolo vantaggio bignerà che il 2N sia ben ispirato e MOLTO rognoso ed il 3N in giornata morta.
Credo che più che altro sia questione di stili di gioco. C'è chi preferisce attaccare, bandiera al vento e lancia in resta, e chi invece preferisce scavare pazientemente trincee, trappole e fortificazioni in attesa del veniente assalto... E' anche questo il bello degli scacchi, penso, la lotta fra corazza e cannone.


P.S. Non è che non mollo, ma se devo fare l'avvocato del diavolo devo farlo bene... O il Principe delle Tenebre mi licenzierebbe in tronco! biggrin.gif
Sono una carota in cerca di sè stessa...
Giorno: 28/11/2012, 20:49:51
La mia idea è questa: credo che provando a studiare la difesa di posizioni inferiori si riesca a sviluppare quelle abilità difensive necessarie a crescere come scacchista (prima o poi, capita anche ai campioni di dover difendersi). Quindi faccio una proposta:

Proviamo ad analizzarla un po' di più, con la partecipazione di chiunque voglia intervenire, per vedere le risorse dell'uno e dell'altro?

In questo modo si imparerebbe sia ad attaccare che a difendersi, a sviscerare il più possibile tutte le risorse della posizione... Per esperienza ho imparato che anche nelle posizioni più disperate c'è sempre qualche parata inaspettata, qualche manovra provvidenziale e a volte, magari, un insperato contrattacco. Credo che questo aiuti a sviluppare anche la tenacità, sia di chi si difende che di chi attacca.
Sono una carota in cerca di sè stessa...